top of page

pubblicità

  • Immagine del redattorePOPCORN

Christmas Drop: Operazione Regali

Aggiornamento: 22 apr 2021

Non il miglior film di Natale.

Vai infondo alla pagina per guardare il trailer


La storia è ambientata sull’isola di Guam che si trova nell'oceano Pacifico occidentale la più

grande e meridionale delle Marianne. Erica Miller (Kat Graham, già vista in The Vampire Diaris), è una funzionaria del governo, costretta a lavorare il giorno di Natale, tipico delle commedie Natalizie, Il suo capo, infatti, la manda sull’Isola di Guam, per approfondire se vi siano i presupposti per far chiudere la base dell’aeronautica militare ivi presente. Ad accoglierla trova il capitano Andrew Jantz (Alexander Ludwig lo abbiamo già visto nel ruolo di Bjorn in Vikings), che cerca di spiegare cosa sia l’operazione regali e perché la base non debba essere chiusa, ma non è abbastanza convincente, ma tranquilli lo spirito natalizio è li dietro l’angolo pronto a far la sua magia.

Il capitano Andrew rappresenta l’altruismo fatto persona, infatti nella pellicola lui è il motore dell’operazione regali, è super altruista, lascia il suo alloggio da ufficiale ad una famiglia in difficoltà, non torna dalla sua famiglia a natale ormai da diversi anni per occuparsi dell’operazione regali, ripete almeno 100 volte che fa il lavoro migliore del mondo, e crede fermamente nello spirito natalizio, un personaggio un pò esagerato a nostro parere. La dura e inflessibile Erica Miller, sembrava quasi fatta di pietra all’inizio della pellicola, ma dopo aver conosciuto meglio Andrew e l’operazione regali, si scioglie come un panetto di burro tanto che regala a bambini del posto tutto ciò che ha nella borsa ed infine la borsa stessa con la battuta “prendi la mia borsa, così ci metti dentro le conchiglie” ok un bel gesto, ma te ne potevi uscire con una battuta migliore. Il film è un tipico film natalizio, scontato, pieno di amore, altruismo canti di natale, feste, cene tutti insieme, sorprese e buonismo a non finire. Una cosa che però ci ha colpito ed è fuori dal comune è stata l’ambientazione su un isola tropicale in cui ovviamente non era presente la classica neve, anzi l’atmosfera era prettamente estiva. Scopriamo solo nei titoli di coda che l’operazione regali esiste davvero, e questo ci riempie il cuore di gioia, e proviamo quasi vergogna per aver criticato un pò sarcasticamente questo film.

La Christmas Drop, l’operazione regali, consiste nel paracadutare su 56 isole della Micronesia oltre 22 tonnellate di “regali” per oltre 22.000 abitanti, che altrimenti rimarrebbero tagliati fuori dal mondo. Questa operazione è una delle più longeve operazioni umanitarie dell’aeronautica militare statunitense e va avanti dal 1952. Questa tradizione natalizia continua tutt'oggi grazie alle donazioni dei residenti e delle imprese di Guam. Ogni scatola sganciata da un aereo pesa quasi 180 kg e contiene oggetti come reti da pesca, materiali da costruzione, latte in polvere, prodotti in scatola, riso, refrigeratori, vestiti, scarpe, giocattoli e materiale scolastico. Ovviamente l'operazione oltre al fine umanitario funge anche da missione di addestramento per le truppe dell'aviazione che si troveranno in seguito a svolgere questo compito in altre missioni.

Gregg Rossen e Brian Sawyer sono partiti proprio da questo spunto narrativo per sviluppare la storia di “Christmas Drop – Operazione regali”, cercando di esaltare particolarmente l’aspetto umanitario del Natale, l’importanza di dare a chi non ha. Il film non ha grosse pretese, sicuramente non diventerà un cult, ma grazie a questo film abbiamo scoperto questa fantastica operazione umanitaria, che ci insegna che nella vita bisogna essere sempre pronti ad aiutare i meno fortunati.

Comunque il voto che abbiamo dato al film è 5, giustificato dalla prevedibilità della pellicola e dalle battute un pò scontate, voto un pò lievitato perché dedicato all’operazione regali dell’aeronautica statunitense.



74 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

コメント


pubblicità

bottom of page